La tua guida alla regione vinicola della Provenza (mappe)

La Provenza sta crescendo in popolarità, comprese le sue sottoregioni di punta come Bandol e Cassis. Senza dubbio, una delle regioni vinicole più sottovalutate della Francia (controlla l'altra regione più sottovalutata: Linguadoca-Rossiglione ).

Ah, Provenza! Il nome evoca visioni di lavanda, girasoli, ulivi e vino - molto vino - bianco, rosso e rosato!



L'88% della produzione di vino provenzale è dedicata al rosato!

Questa affascinante regione si trova lungo la costa mediterranea della Francia, delimitata dal fiume Rodano a ovest e dalla Costa Azzurra a est. Fisicamente, è lungo solo 150 miglia circa e 100 miglia da nord a sud, ma il suo impatto è profondo.

Il vino viene prodotto qui da oltre 2600 anni, rendendo la Provenza la più antica regione vinicola della Francia. È anche l'unico posto in cui concentrarsi sul Rosé ed è sede dell'unico istituto di ricerca dedicato allo stile. Le strade da corsa in montagna rocciosa, il vino e la lavanda sono i tratti distintivi della Provenza.

Regione vinicola della Provenza

strade di montagna rocciose, vino e lavanda sono le caratteristiche eccezionali della Provenza. fonte




Ottenere un laico della terra: regione vinicola della Provenza

La Provenza è benedetta da un clima fantastico, soprattutto per l'uva! La regione riceve molto sole e non troppa pioggia con giornate calde e serate fresche. Il Mediterraneo mitiga le temperature e il famoso vento di Maestrale mantiene i vigneti asciutti, privi di parassiti e il cielo sereno.

Impara le mie tecniche per degustare il vino

Impara le mie tecniche per degustare il vino

Goditi i corsi di apprendimento del vino online di Madeline comodamente dalla tua cucina.

Acquistare ora Tonnellate di sole: Le viti necessitano di un minimo di 1400 ore di sole (gradi giorno) per produrre frutti maturi. La Provenza ha una media di 2700-3000 ore all'anno.

La geografia è diversificata con numerose catene montuose che tessono il paesaggio fornendo dolci pendii (i vigneti amano le colline!) E valli riparate. Anche i terreni sono diversi. La campagna occidentale è venata di calcare, dove anticamente la terra era ricoperta da un mare caldo e poco profondo. Viaggia verso est e il terreno è per lo più scisto cristallino (granito) e vulcanico in una piccola area.



Lavanda e vigneti nella regione vinicola della Provenza

Una giornata tipo a Coteaux Varois en Provence. fonte

In tutta la Provenza, arbusti selvatici e resinosi come rosmarino, ginepro, timo e lavanda crescono quasi ovunque. Molti dicono che queste piante, chiamate collettivamente 'Garrigue' (su calcare / argilla) o 'Maquis' (quando crescono su scisti cristallini), influenzano il carattere dei vini.

Con tutti questi diversi terreni, clima, altitudine e influenze storiche, ha senso che la Provenza sia la patria di molte varietà di uva. Alcuni di loro saranno familiari e altri non tanto quanto si trovano solo qui.

il vino deve essere refrigerato dopo l'apertura

Uva da vino bianco

Le uve bianche della Provenza includono:

  • Rolle (aka Vermentino)
  • Ugni Blanc (alias Trebbiano)
  • Bourboulenc
  • Clairette
  • Marsanne
  • Roussanne
  • Grenache Blanc

Familiari sono anche le varietà bordolesi di Sauvignon Blanc e Semillon, che sono sanzionati in alcune regioni. Le uve regionali come Pascal, Terret Blanc, Spagnol (aka Mayorquin) e Pignerol sono ancora utilizzate ma stanno rapidamente scomparendo.

Uva da vino rosso

La maggior parte delle uve rosse tradizionali si trovano altrove in Francia e nel Mediterraneo, tra cui:

  • Grenache Noir
  • Syrah
  • Mourvedre
  • Carignan
  • Cinsault
  • Counoise
  • Tannat
  • Cabernet Sauvignon

Hai sentito parlare di Tibouren, Braquet, Calitour, Folle Noir e Barbaroux? Queste sono alcune delle varietà rosse più oscure e uniche della Provenza.

Circa 36 varietà di vino sono ammessi in Provenza. Provengono da Francia, Spagna, Italia , Grecia e Ungheria.

Provence-Wine-Map-WineFolly
Acquista la mappa


Le regioni vinicole della Provenza

Viticolo La Provenza comprende 9 regioni principali o AOC (Appellation de’Origin Contrôlée).


Cos'è un AOC? È un'area specifica per la coltivazione della vite definita da molti fattori che stabiliscono il suo carattere unico, come il tipo di suolo, il clima e la geografia. Anche essere all'interno di un AOC ha delle regole. Un coltivatore è limitato al tipo di uva che può coltivare, al modo in cui viene coltivata e al numero di tonnellate che possono essere raccolte. I vini devono essere vinificati a determinate percentuali di assemblaggio con livelli regolati di alcol e zucchero residuo. Anche loro devono seguire protocollo di etichettatura rigoroso .

a che temperatura servite il vino rosso

Cotes-De-Provence-Rosé

Côtes de Provence

La più grande DOC e il più grande produttore con circa il 75% della produzione di vino (di cui l'89% è rosato), questa regione è anche la più diversificata.

A causa delle dimensioni della regione, ci sono una varietà di influenze all'opera: le differenze di clima, altitudine dei vigneti, suolo e precipitazioni, ad esempio, possono essere così varie che in realtà c'è una differenza di 60 giorni tra l'inizio della vendemmia nel sud vigneti costieri e le loro controparti interne più fresche.

Ci sono quattro 'sottoregioni' geografiche nella Côtes de Provence e sono facili da identificare poiché possono aggiungere i loro nomi all'etichetta. Sainte-Victoire, La Londe, Fréjus e Pierrefeu. Ciascuna di queste sottoregioni ha caratteristiche distinte che influenzano le uve e i vini prodotti in esse.

Immagine della regione vinicola della Provenza

Grandi cieli. Foto scattata a est di Aix-en-Provence a Vars, Provenza-Alpi-Costa Azzurra. fonte


Coteaux d'Aix en Provence

Seconda per dimensione, questa regione è fortemente influenzata dai famosi venti di maestrale. I vigneti qui risalgono al 600 a.C. e furono apprezzati dalle Corti Reali d'Europa nel XV secolo.

Oggi, Rosé è il re e di solito è una miscela di Grenache, Mourvedre, Cinsault, Syrah e Counoise. Anche qui si coltiva il Cabernet Sauvignon. I primi impianti di questo vitigno bordolese furono portati nei vigneti provenzali di Georges Brunet (proprietario di Chateau LaLagune) subito dopo la seconda guerra mondiale.

Brad Pitt e Angelina Jolie avere un Côtes de Provence Rosé di Correns (di Brignoles) chiamato Miraval, una miscela di Cinsault, Grenache, Syrah e Rolle (Vermentino).

Colline del Var della Provenza

AKA 'Il cuore della Provenza', questa regione nel mezzo della Provenza presenta catene montuose calcaree ondulate, quindi ci sono una moltitudine di 'meso-climi'.

I vigneti a queste altitudini leggermente più elevate sono più freschi, quindi le uve beneficiano di una maturazione più lunga e più lenta, dando ai vini finiti una buona acidità, sapori complessi e struttura. Ancora una volta, i rosati dominano, realizzati da Cinsualt, Mourvedre, Grenache e Syrah con i bianchi dominati da Rolle.


Il Baux de Provence

Questa è probabilmente la parte più calda della Provenza così calda che ospita la Val d’Enfer o 'Valle dell'Inferno'. Situata a nord dell'antica città di Arles, l'area prende il nome dalla città fortificata di Baux del XIII secolo. I vigneti si trovano sui pendii delle montagne delle Alpilles e, sebbene il clima e il terreno accidentato siano inospitali, è perfetto per l'uva.

La regione è perfetta anche per la viticoltura biodinamica e biologica. Il vento di maestrale mantiene tutto asciutto, quindi il marciume non è un problema e nemmeno le 3000 ore di sole medie non fanno male! In effetti, il 41% dei coltivatori è diventato 'verde'.
Les Baux si distingue anche per la produzione di vini prevalentemente rossi, con Granache, Syrah, Cinsault e Cabernet Sauvignon al centro dell'attenzione.


Cassis-Provence

Cassis

Lungo la costa mediterranea della Provenza, appena ad est di Marsiglia, le ripide scogliere calcaree bianche del Massif des Calanques incontrano il mare ed è qui che si trova il primo AOC di Provenza (1936) Cassis.

I vigneti furono praticamente distrutti dall'epidemia di fillossera nel XVIII secolo, ma furono ripiantati e ora Cassis è la regione della Provenza per i vini bianchi.

Marsanne è l'uva principale, insieme alla Clairette, quindi i vini hanno una meravigliosa eleganza e aromi intensi di agrumi, pesca, miele ed erbe essiccate. Molti dicono che si possa anche assaggiare il sale del vicino mare!

La bottiglia tradizionale della Provenza si chiama a birillo ed ha la forma di una clessidra.

Bandol-Mourvedre-Provence

Bandol

Se Cassis è tutta una questione di bianchi, il suo vicino a est è l'esatto contrario. Anche Bandol, dal nome dell'antico porto foceo, soffrì per mano della fillossera, ma quando avvenne il reimpianto i vignaioli sapevano che i terreni aridi, sterili, ben drenati, marne sabbiose e calcaree erano perfetti per il caldo, a maturazione tardiva Mourvèdre.

I vigneti di collina formano un anfiteatro naturale dove i terrazzamenti sono sostenuti da muri in pietra di fiume chiamati 'restanques'. Bandol produce incredibili bianchi da Clairette miscelati con Ugni Blanc o Bourbouenc e una rosa strutturata e saporita, ma i suoi vini distintivi sono i vini rossi ricchi, intensi, realizzati con un massimo del 95% di Mourvedre e invecchiati in rovere per almeno 18 mesi.


Tavolozza

Annidato sotto Coteaux d'Aix-en-Provence e arrivando a soli 100 acri, Palette è il più piccolo AOC della Provenza. I vigneti furono piantati sui terreni calcarei e argillosi dai Romani intorno al 100 a.C. e la zona ospita oggi oltre 25 varietà di uva (alcune ossature), tutte raccolte a mano e soggette a specifiche regole di assemblaggio e requisiti di invecchiamento.

Mourvèdre è il vitigno principale sia in rosato che in rosso insieme a Cinsault, Grenache e una miriade di uve insolite come Castet, Muscat de Hamburg, Petit Brun e Téoulier. C'è un invecchiamento obbligatorio di 18 mesi in rovere e molti trovano i vini simili a quelli di Bandol.

I bianchi rappresentano circa il 37% della produzione della zona e sono spesso una miscela di Clairette Blanche, Picardan, Bourboulenc e uve insolite come Panse Muscade, Terret Gris, Piquepoul Blanc e Aragnan! Sia i vini bianchi che quelli rosati devono essere affinati almeno 8 mesi prima della commercializzazione.

è il moscato un vino da dessert

Può essere di piccole dimensioni, ma Palette è grande nel preservare le tradizioni del vino provenzale.

Curiosità su Mistral: Le case coloniche sono costruite con le porte rivolte a sud, lontano dal Maestrale venti.

Bellet

I vigneti di Bellet punteggiano le ripide colline che circondano la città di Nizza, all'estremità orientale della Provenza. Questa è un'altra area che utilizza alcuni vitigni non comuni. Il vitigno bianco dominante è Rolle (Vermentino) ed è l'unico AOC in Provenza a cui è consentito utilizzare lo Chardonnay. Il rosso e il rosato sono per lo più realizzati con Braquet e Folle Noire. Rosé di Bellet ha un aroma caratteristico di petali di rosa!


Pierrevert

Pierrevert è il più recente (1998) e il più settentrionale dei DOC provenzali. Situato nelle Alpi dell'Alta Provenza , accanto al Luberon, c'è una netta influenza del Rodano sia nei vitigni che nello stile.

Troverai miscele rosse di Grenache e Syrah con forse un po 'di Cinsault e Carignan, e bianchi come Grenache Blanc, Rolle (Vermentino), Roussanne e Marsanne. Il rosé è un grosso problema qui, prodotto con le stesse varietà dei rossi ma differisce dalle altre parti della Provenza.

Le regole della zona impongono che almeno il 50% del vino debba essere vinificato con il metodo “saignée”, unico luogo dove questa tecnica è consentita.


Come puoi vedere, la Provenza ha vini diversi e una storia leggendaria. La mappa della Provenza è disponibile da noi, ma puoi anche ottenere il pieno Set di mappe regionali della Francia e questo ti aiuterà a connetterti con gli altri vini del paese. Attenzione, una volta che inizi ad amare i vini di Francia, tu volontà finire per acquistare una bici da spiaggia con un cesto di vimini sul davanti. Ti abbiamo avvertito!