La dinastia Rothschild


Philippine de Rothschild
La signora di Mouton
Il leader di Lafite
Eric de Rothschild

Benjamin de Rothschild
Il più ricco Rothschild
La dinastia Rothschild

Dal ghetto ebraico di Francoforte a Bordeaux: come i Rothschild sono diventati la più importante famiglia di vini al mondo

Di Per-Henrik Mansson


Prologo: Bordeaux, 1961

Nella primavera del 1961, i Rothschild di Château Lafite ei Rothschild di Château Mouton accettarono di sospendere le ostilità tra le due case per un paio di giorni. L'occasione per la difficile tregua fu il matrimonio di Philippine, l'unico figlio del barone Philippe de Rothschild di Mouton.

Durante gli otto anni che hanno preceduto questo evento familiare, la tradizionale rivalità tra Lafite e Mouton per la preminenza a Bordeaux era degenerata in un aspro conflitto tra Philippe e il cugino più giovane, il barone Elie de Rothschild, che gestiva Lafite. Lafite era una prima crescita e Mouton una seconda crescita secondo la sacrosanta classificazione della regione del 1855, ei Rothschild di Lafite avevano bloccato i ripetuti tentativi di Philippe di elevare Mouton allo stato di prima crescita.

La formale Elie e l'artistico Philippe erano diversi nel temperamento e nel carattere, e questo spiega in parte le loro 'catastrofiche relazioni umane', dice Philippine, che divenne la baronessa de Rothschild alla morte di suo padre nel 1988. Elie comandava i dipendenti di Lafite come un generale a capo A Philippe dell'esercito piaceva tenere riunioni di lavoro mentre giaceva a letto.

'Non andavano affatto d'accordo', aggiunge Philippine. 'La chimica semplicemente non c'era. Era un enorme problema di due uomini che non si sopportavano l'un l'altro.

Le due tenute bordolesi confinano l'una con l'altra a Pauillac, la celebre denominazione del Médoc, e condividono una combinazione di suolo, drenaggio e topografia che consente loro di produrre ogni anno alcuni dei chiaretti più pregiati e più costosi. Eppure Lafite e Mouton avevano interessi divergenti. Se Mouton diventasse una prima crescita, quasi certamente significherebbe una concorrenza più rigida per Lafite, potrebbe persino minare il tradizionale track record di Lafite di comandare prezzi più alti rispetto a Mouton nel mercato di Bordeaux. Per i banchieri Rothschild con sede a Parigi che detenevano la maggioranza di Lafite, gli affari erano affari, non importava davvero che un cugino fosse a capo di Mouton.

Per il matrimonio delle Filippine, invece, è stata dichiarata una tregua. Quali che fossero i sentimenti che animavano i Lafite Rothschild ei Mouton Rothschild in questo giorno, la loro selezione dei vini per i pasti nuziali ha dimostrato rispetto reciproco. Ogni castello ha onorato il suo rivale. Al pranzo tenutosi a Château Mouton, Philippe ha presentato Lafite servendo il 1869 di quel castello alla fine del pasto. (È venuto dopo due vini di Mouton, 1928 e 1933, quest'ultimo è l'anno di nascita delle Filippine.) Durante una cena a lume di candela quella sera sul chais di Château Lafite, Elie e sua moglie, Liliane, hanno restituito la cortesia terminando il pasto con 1869 Mouton, che seguì 1949 e 1926 Lafite. Per un giorno l'armonia familiare ha prevalso sulla rivalità.


Per l'articolo completo, vedere il numero del 15 dicembre 2000 di Wine Spectator rivista, pagina 41.
Torna all'inizio